System of Valle Camonica Museums

Share

System of Valle Camonica Museums

Pianifica, racconta, condividi

Con gli itinerari personalizzati della Valle dei Segni pianifichi il tuo viaggio in Valle Camonica:
scegli cosa vedere, in base al tempo a disposizione e al tipo di visita
  CREA IL TUO ITINERARIO

9 stages
0

Discover the signs of culture

Valle Camonica is a territory intending to preserve and safeguard, besides the very beautiful natural resources, also the collective memory more strictly linked to the working world, from the fields to the smithy.

To prompt such enhancement, the System of Valle Camonica Museums was established. It represents the varied cultural offer of this territory, involving ten museums in the municipalities of Bienno, Cerveno, Corteno Golgi, Lozio, Malegno, Ossimo, Vione, Temù, Breno and Cedegolo, along with the Lodovico Pavoni Museum of Printing in Artogne and the Museum of the Alpini in Darfo Boario Terme, not yet included but with important collaborations in progress.

Besides the museums belonging to the System, there exist on the territory other facilities rich with history and interesting for the discovery of the local culture.

This is the case of the numerous religious museums such as the House of Blessed Innocenzo in Berzo Inferiore, the Display-Museum at the Institute of Dorotee Nuns dedicated to Mother Annunciata Cocchetti in Cemmo, the Museum of Sacred Art of the Parish House in Ponte di Legno (for more informations about read also The Signs of Faith).

Also worthy of a mention are the Nostalgia Club Museum in Breno which gathers by will of the fans an interesting showroom of vintage cars and motorcycles and the Photographic Museum dedicated to Simone Magnolini set up in Borno.

musil - Museum of Hydroelectric Power of Valcamonica

1
At the start of the 20th century the Camunian economy, still pivoting around traditional activities, such as the practice of "iron working", gets boosted by...

At the start of the 20th century the Camunian economy, still pivoting around traditional activities, such as the practice of "iron working", gets boosted by the creation of numerous hydroelectric power plants, among the most ancient ones in Italy. Fed by sundry dam lakes in the Upper Valley, these power stations exploit the force of water to create energy.

In particular we point out the site of the Edolo power station, in service since 1985 and Musil, in Cedegolo, that is the Museum of Hydroelectric Power, which comes out of the remains of an old power plant functioning until 1962, where the visitor is guided to make a fascinating tour in space and time following the whole route from the origin of water and its collection all the way to the production and distribution of electricity.  

The smithies

2
The wealth of ore in Valle Camonica, in particular in Pisogne and in the Middle-Upper Valley, has made it possible to expand the art of metal working from time...

The wealth of ore in Valle Camonica, in particular in Pisogne and in the Middle-Upper Valley, has made it possible to expand the art of metal working from time immemorial. Crucial in the development of this activity is the abundance of water coming from the Oglio river and the numerous streams, its tributaries, which was used to feed the forges. Its fame was such that the Valley became the centre of exchanges, not only Italian but also European, of products from the smelting of minerals and from iron itself. The first smithies were active already in the Middle Ages, as attested even today: the most important centre is Bienno, where four smithies are still open and where an ethnographic museum has been established, allowing the visitor to follow the history of metal working from its origins through direct experience. Attesting the relevance of this activity there is also the “Le Fudìne” museum of Malegno where images, tools and written documents recall the factual importance of mineral working.

Many other towns of Valle Camonica boast the presence of smelting centres, starting from Schilpario, a small town in Valle di Scalve, up to Loveno, famous in the Middle Ages as a base for the miners of the area, and also the smelting furnace in Malonno.

CAMUS - Camunian Museum

3
The will to keep alive the memory of traditions and ancient origins is manifested factually in the fitting out of numerous museums through which one can...

The will to keep alive the memory of traditions and ancient origins is manifested factually in the fitting out of numerous museums through which one can discover the broad cultural heritage of the Valley. The artistic history of the territory is told in the Museum of Breno, set up in the Palace of Culture in an ancient residence belonging to the Federici, where one can admire the works belonging to the artistic production of a time ranging from the 16th to the 17th century, archaeological finds dating back to prehistory and the Roman age and liturgic and civilian decorations from the Renaissance to modern age. 

Ethnographic Museum ‘L Zuf’

4
To get in touch with the spirit and the traditional knowledge of the valley people, one can visit the ethnographic museums of the territory, set up to enhance...

To get in touch with the spirit and the traditional knowledge of the valley people, one can visit the ethnographic museums of the territory, set up to enhance and safeguard the memory of the past. Among them, the ethnographic Museum ‘L Zuf’ in Vione, which collects objects of daily use and tools for working the soil from the early Nineteen-hundreds, among which the reconstruction of a mill, a historical loom, tools for ploughing and for weaving.

Opens: from June 15th to September 15th, open everyday from 17.30 to 19.30

Schools and groups can visit the museum during all the year. To book a visit please call Mr. Marino Tognali +39 0364 94346

Casa Museo di Cerveno

5
La “ Casa Museo di Cerveno ”, edificio rurale di fine ‘500 recentemente ristrutturato,costituisce una concreta testimonianza dei metodi costruttivi edili,...

La “Casa Museo di Cerveno”, edificio rurale di fine ‘500 recentemente ristrutturato,costituisce una concreta testimonianza dei metodi costruttivi edili, visibili nell’organizzazione degli spazi e nell’uso dei materiali locali: pietra calcarea, legno e ferro. I reperti raccolti e gli arredi recuperati denotano stili di vita particolari; gli attrezzi impiegati nel lavoro dei campi, specificatamente per la viticoltura e la vinificazione, e quelli per l’allevamento, le attività silvo-pastorali e l’artigianato esprimono il livello di abilità manuale-creativa dell’homo faber, che sa costruire, adattare, riadattare quando gli serve per vivere e per sopravvivere.

Significativa, nel museo, anche la presenza del materiale prodotto per la realizzazione della Santa Crus, rappresentazione vivente, a cadenza decennale, della Passione di Cristo. Gli abiti utilizzati dai figuranti, le armi, le corazze, i segni della Passione, le immagini riproducenti le fasi preparatorie della manifestazione esprimono efficacemente la complessità del lavoro che si compie, la coralità che lo caratterizza, la partecipazione collegiale dell’intera comunità, a testimonianza dell’atavica fede, delle tradizioni consolidate e dell’identità locale.

Evocare i tratti distintivi dell’identità del paese e della sua gente è lo scopo di questa Casa Museo. Una casa rurale che ha fatto parte per almeno cinque secoli della storia della comunità e che oggi raccoglie oggetti e immagini utili per trasmettere saperi e memorie.

La Casa Museo è luogo di incontri e mostre temporanee, occasioni di confronto e di formazione per gli adulti, attività didattiche e ludiche per i bambini e i ragazzi, lavori di preparazione per la manifestazione decennale della Santa Crus.

La Casa Museo rimanda al paese e al territorio che la circonda offrendo indicazioni utili per accostarsi al patrimonio storico e artistico di Cerveno e per seguire percorsi di conoscenza del paesaggio, dell’ambiente e degli altri abitati ai piedi della Concarena.

Orari apertura: martedì 14.30/16.30 - giovedì 9.00/12.00 - venerdì 14.30/16.30 - domenica e giorni festivi 14.30/17.30 - per prenotazione gruppi o altre informazioni rivolgersi al Comune di Cerveno (Tel. 0364/434012 - 327/4647200 - fax 0364/434644) e-mail: info@comune.cerveno.bs.it - casamuseocerveno@gmail.com

Casa Museo della gente di Lozio

6
L’ex Casa Nobili a Villa di Lozio ospita il museo etnografico della gente di Lozio che raccoglie indumenti, strumenti di lavoro, suppellettili, oggetti vari…...

L’ex Casa Nobili a Villa di Lozio ospita il museo etnografico della gente di Lozio che raccoglie indumenti, strumenti di lavoro, suppellettili, oggetti vari… testimonianze di quella che era la vita di un tempo, della civiltà montana e contadina.
La casa-museo è organizzata su quattro piani che hanno conservato gran parte delle caratteristiche architettoniche di una volta, tanto nei materiali (legno e pietra) quanto nella presenza di alcune strutture particolari (le volte in pietra, i solai e pavimenti in legno)
.

Orario di apertura: Domenica e giorni feriali 14.00 -19.00
Tutto l’anno su prenotazione per gruppi o scuole.

Museo Etnografico Ossimo Ieri

7
Il Museo Etnografico di Ossimo raccoglie una serie di oggetti provenienti da tutta la Valle Camonica quali aratri, zappe, carri, gioghi, filarelli, pizzi e...

Il Museo Etnografico di Ossimo raccoglie una serie di oggetti provenienti da tutta la Valle Camonica quali aratri, zappe, carri, gioghi, filarelli, pizzi e ricami, scaldaletti, paioli, tagliole, zangole, setacci, tini e torchi, oggetti di uso quotidiano e immagini di scolaresche e famiglie dei primi anni del Novecento.

Museo Camillo Golgi

8
Gli amanti della scienza e della medicina troveranno interessante la visita al museo di Corteno , paese natale del premio Nobel Camillo Golgi , dove nel 2006,...

Gli amanti della scienza e della medicina troveranno interessante la visita al museo di Corteno, paese natale del premio Nobel Camillo Golgi, dove nel 2006, in occasione del centenario del Premio Nobel per la medicina, è stata inaugurata un’esposizione dedicata al suo lavoro di ricerca. All’interno sono esposti vari strumenti del medico e sono stati ricostruiti un ambulatorio medico dei primi del novecento e il laboratorio istologico di Golgi.

Museo della Guerra Bianca in Adamello

9
A Temù è possibile visitare il Museo della Guerra Bianca : una struttura che racchiude reperti interessanti dall'immenso valore simbolico e splendide...

A Temù è possibile visitare il Museo della Guerra Bianca: una struttura che racchiude reperti interessanti dall'immenso valore simbolico e splendide fotografie d'epoca.

Il patrimonio storico del Museo è in costante aumento, sia grazie alle donazioni di oggetti, fotografie e documenti da parte di visitatori, collaboratori e amici, sia e soprattutto grazie all'intensa e difficoltosa attività di recupero dei beni dalle aree glaciali e periglaciali svolta con passione e professionalità dal personale tecnico scientifico del Museo.

DMO Deals

Pacchetti disponibili

Riserva Naturale Incisioni Rupestri CETO

Il biglietto include l'entrata alle aree istoriate, al Museo, l'assicurazione (valida solo nei percorsi attrezzati), l'accesso all'area pic-nic. I bambini fino ai 5 anni non pagano.

da3 €
Visita e degustazione in cantina Piamborno di Piancogno

Visita guidata con degustazione presso la Cantina Bignotti a Piamborno. Su richiesta ogni domenica alle ore 16:00 per minimo due persone.

da15 €
Hotel Pangrazzi Fucine di Ossana (TN)

Pernottamento e prima colazione

da0 €