I Segni della Storia

Sulle tracce della Guerra Bianca

Gli avamposti della Guerra Bianca in Valle Camonica

Una fitta rete di strade, mulattiere e sentieri, per raggiungere gli avamposti, le trincee, le fortificazioni, nei luoghi più impervi dell’Adamello. Siamo ad oltre 3000 metri di quota, fra le vette dove si combatté la Guerra Bianca fra le truppe del Regno d’Italia e quelle dell’Impero austro-ungarico. Una guerra cruenta, combattuta sotto la neve, durata oltre tre anni e mezzo, durante i quali i soldati dovettero sopravvivere in condizioni ambientali estreme.
Le principali linee italiane furono il Fronte del Montozzo e lo Sbarramento del Tonale, con funzioni prevalentemente difensive.

Si parte dal paese di Temù, dove, in ricordo della Guerra Bianca, è stato allestito un museo che raccoglie le testimonianze, gli oggetti e le armi ritrovati da un gruppo di volontari sul ghiacciaio dell’Adamello.
Si prosegue lungo i bellissimi sentieri che conducono tra le antiche fortificazioni dei due fronti, le gallerie, le trincee e i luoghi di appostamento ad alta quota.

Indicato per tutti gli escursionisti, anche per i meno esperti, è il Sentiero della Memoria in Media Valle Camonica, che ripercorre una mulattiera militare e attraversando punti d’avvistamento, postazioni per mitragliatrici antiaeree, grotte e gallerie.

Per chi ama invece l’alta montagna e desidera emozionarsi con una vista spettacolare, c’è il Sentiero dei Fiori, che si snoda a 3000 metri di altezza, tra passerelle sospese mozzafiato, meravigliosi paesaggi, precipizi e testimonianze della Grande Guerra. Il percorso parte dal passo di Castellaccio e arriva fino al Corno di Lago Scuro, correndo sulle tracce dei sentieri realizzati dagli alpini durante la Prima Guerra Mondiale. L’itinerario tocca anche l’esposizione permanente inaugurata nell’estate 2011: una spettacolare galleria a 2600 metri di altezza, scavata nel granito durante il primo conflitto e attualmente allestita con un percorso multimediale arricchito da materiale bellico reperito sul posto e pannelli fotografici.

Le tappe

Museo della Guerra Bianca in Adamello

Via Roma 40, Temù (Bs)
Tel. 0364 942944
info@museoguerrabianca.it

 

Temù è possibile visitare il Museo della Guerra Bianca: una struttura che racchiude reperti interessanti dall’immenso valore simbolico e splendide fotografie d’epoca.

Il patrimonio storico del Museo è in costante aumento, sia grazie alle donazioni di oggetti, fotografie e documenti da parte di visitatori, collaboratori e amici, sia e soprattutto grazie all’intensa e difficoltosa attività di recupero dei beni dalle aree glaciali e periglaciali svolta con passione e professionalità dal personale tecnico scientifico del Museo.

Il Sentiero dei Fiori

Tra le infinite possibilità di sentieri ben segnalati e curati suggeriamo, per gli amanti della fatica estrema, la risalita fino a 3000 m del “Sentiero dei Fiori”, antica via utilizzata dagli alpini durante la Guerra Bianca.
Il sentiero corre lungo pendii scoscesi, passerelle sospese nel vuoto e precipizi, ma ripaga con le spettacolari vedute sull’intera Valle Camonica.

Idee di viaggio

La Valle Camonica è pronta ad emozionarti. E tu, sei pronto a scoprirla? Attento, potresti non lasciarla più… Prima la scopri, poi la ami.